MARCO PASQUA

Marco Pasqua nasce a Roma a marzo del 1959. Sul finire gli studi di Informatica nel ‘77 si avvicina alla fotografia e alle sue varie forme  fotografando gli avvenimenti che lo vedevano coinvolto, dalle manifestazioni di piazza ai rinnovati concerti al palasport, realizzando manifesti per i concerti che si sarebbero tenuti e servizi per musicisti italiani. In questi anni, l’esperienza formativa sul campo è talmente fondamentale da consolidare in me la presenza della fotografia come interesse primario. Il suo inizio è con la fotografia in pellicola, come è ovvio. Oggi non ne sente la mancanza ma crede che l’importanza del mezzo analogico sia stata fondamentale per la sua formazione anche se poi, nel tempo, ha usato tipologie diverse di macchine e ognuna per scopi diversi, dal banco ottico alla reflex digitale. Non ha nostalgia dell’analogico, ma ne sente la mancanza.
La fotografia, che non è il suo lavoro,  gli consente di essere libero di spaziare ovunque, è questo ha lo ha portato ad essere “etichettato” come  ritrattista, paesaggista, sportivo (è un motociclista da sempre), fotografo di still-life, di teatro, eventi musicali…
Semplicemente ritiene che i soggetti, le emozioni, le storie, le fantasie sono molteplici e la fotografia invece è una sola.
Riuscire a raccontare quello che vede come lo vedo …

SGUARDI E TRAGUARDI