STEFANO PALAI

Stefano Palai nasce nella metà degli anni ’60 in un piccolo gruppo di case della montagna Pistoiese, nei primi anni ’70 insieme alla famiglia si trasferisce a Prato. Dopo una decina di anni, quindi nei primi anni’80 si avvicina alla fotografia facendo esperienza in alcuni studi fotografici nel pratese ma è solo nel 1983 che inizia a prendere parte a concorsi fotografici diventando un assiduo frequentatore di circoli fotografici nelle province di Prato e Firenze, come ad esempio la collaborazione con il Circolo Fotografico “Il Castello” a cui era molto legato.
La frequentazione di questi circoli gli permette di imparare molto, iniziando a confrontarsi realmente con il mondo della fotografia, partecipa appunto a molti concorsi, vincendo molto premi e riconoscimenti. A quel punto decide che è arrivato il momento di approfondire ancora di più la conoscenza della fotografia e si iscrive prima alla Scuola “Marangoni” di Firenze e successivamente all’Istituto superiore di Fotografia prima a Milano e poi a Londra.
Dopo gli studi inizia a collaborare assiduamente con vari studi fotografici come fotografo freelance, ma continua a studiare per migliorare ancora e rimanere al passo con la tecnologia, infatti nel 1996 partecipa al workshop di B/N alla “ILFORD” Italia e a molti altri workshop dedicati al Digitale, a Photoshop4.0, a vari programmi di elaborazione e gestione delle immagini.

Nel Luglio 1996 inizia la sua vera e propria attività di Fotografo Professionista.

Infatti tra il 1996 e il 2000 realizza numerose immagini pubblicitarie, sia come direttore della fotografia, durante le riprese degli spot per agenzie pubblicitarie, sia seguendo tutti i loro lavori come Art Director.
Nell’autunno del 1999 realizza a scopo benefico per L’Ospedale Meyer un calendario, con la partecipazione dei soci del circolo “Primo e Pizza Bike”, questo progetto riscuote un enorme successo tanto da dove tornare più volte in tipografia ristampando numerose copie.
Sempre nel 1999 arriva il primo lavoro importante, prende infatti parte al progetto “DADDI” che prevedeva la realizzazione fotografica in digitale di tutta la collezione presente all’interno della “Galleria degli Uffizi” e del “Corridoio Vasariano” uno dei più importanti musei fiorentini e italiani, sotto la supervisione di “Centrica” (Italia) e “Toppan” (Giappone) progetto conclusosi nel Giugno 2003. Questo progetto riscuote moltissimo successo tanto da essere premiato da Il Sole 24 come “Il più brillante progetto di sponsorizzazione, sviluppo software e tecnica} (da il Sole 24 Ore 23 Novembre 2003 – pag.8/9)
Nel Febbraio – Marzo 2002 lo chiamano per realizzare le riprese fotografiche e di “fotogrammetria” e immagini “stereoscopiche” per il restauro di “Palazzo Rucellai” oltre a immagini in “QTVR”.
In collaborazione ancora con “Centrica” nel 2003 realizza l’archiviazione delle immagini in formato digitale e “QTVR” per il “Museo delle porcellane di Montelupo”  ed esegue l’archiviazione delle opere del ceramista e scultore “Marcello Fantoni” realizzando riprese fotografiche in pellicola e digitale in alcuni musei dove sono esposte le sue opere; ovvero il “Museo delle Porcellane” di Faenza e il “Museo del Bargello” di Firenze, sempre in questo progetto esegue anche riprese in “QTVR” delle sue opere.
Gli anni tra il 1999 e il 2003 sono molto proficui infatti realizza anche reportage in giro per la Toscana per l’archivio “Regione Toscana” in digitale e in pellicola, sempre in questi anni realizza le riprese fotografiche del “Rosone del Duomo di Siena” realizzata da “Duccio da Boninsegna” prima del restauro, per poter confrontare il lavoro durante i restauri dello stesso. Nel 2003 realizza immagini in pellicola e digitali per archivi di “ARSIA” , “BIC”, lavori eseguiti per conto dell’agenzia “LCD”.
Nell’estate 2005 realizza per conto della agenzia “NOE” le fotografie di tutta la mostra dell’Artista “FOLON” a Firenze sia in “Sala d’Arme” e in “Palazzo Vecchio” che al “Forte Belvedere”.
Sempre in questi anni nasce il suo interesse per il “Time Lapse” inizialmente riprendendo fenomeni naturalistici e paesaggistici, per poi iniziare a realizzare veri e propri servizi professionali per eventi mondani, riprese durante esecuzioni di lavori particolari e servizi con questa tecnica per cantieri edili.
Da Ottobre 2014 diventa fotografo certificato “Google Business View” ovvero realizza servizi fotografici a qualsiasi tipologia di attività strutture ricettive, ristoranti, negozi, cantieri edili costruendo una vera e propria visita virtuale a 360° dell’attività svolta con i sistemi di Google Street View.

Time Lapse

Tutte le immagini sono di proprietà dell’autore. Ogni riproduzione è vietata.